7 Consigli Per Investire Con Successo

Investire nel mercato azionario non è semplice e adatto a tutti. Per riuscire a guadagnare, il trader dovrà necessariamente possedere determinate competenze e conoscenze, sapendo sempre se e quando conviene acquistare o vendere. Su internet mi capita spesso di imbattermi in persone che, forse frustrate dalle continue perdite, sconsigliano di investire nel mercato azionario o lamentano che si tratta di un’attività che necessita di un cospicuo capitale iniziale. Ma questo non è vero! Oggi è possibile fare trading con qualsiasi somma di denaro e tutte possono portare ad ottime opportunità di guadagno. Il problema è come si investe. Attività non facile, certo. Ma con un po’ di tempo e attenzione, si possono ottenere grandi risultati.

Come Investire Con Successo

Nel mercato azionario si può guadagnare in due modi: incassare i dividendi distribuiti periodicamente dalle aziende su cui si è investito oppure vendere azioni ad a un prezzo superiore a quello di acquisto. A questo proposito, vediamo ora qualche utile consiglio per investire con successo.

1. Capire In Cosa Si Sta Investendo

Quando si acquista “per sentito dire” o per un altro motivo che esula dalle vostre conoscenze, spesso può portare ad una perdita. Acquistare un’azione significa innanzitutto acquistare una quota (anche piccolissima) di una società che opera in un business reale. E nel lungo periodo il valore del titolo tende a rispecchiare i risultati dell’azienda. Se l’azienda andrà bene, il titolo salirà, se l’azienda andrà male scenderà. Per trovare i titoli migliori è sempre consigliabile conoscere bene l’azienda e il business in cui opera: solo in questo modo sarete in grado di capirne le prospettive ed aumentare le probabilità che l’investimento sarà redditizio.

2. Puntare Sul Lungo Periodo

Il mercato azionario ha la caratteristica di essere molto volatile, ovvero che il prezzo dei titoli e degli indici di borsa possono variare molto col passare del tempo, ma anche in modo drastico durante il corso di una singola giornata. La volatilità, però, può essere combattuta con una strategia efficace che prevede di investire sempre con un’ottica di lungo periodo, ovvero un orizzonte temporale di almeno 5-10 anni. O anche più. Ci sono infatti molti studi che dimostrano come investire in azioni seguendo le strategie di lungo periodo sia la scelta migliore. Warren Buffett, ad esempio, segue da sempre questa strategia. E oggi, è il terzo uomo più ricco del mondo!

3. Scegliere Società Con Un Vantaggio Competitivo e un Ottimo Management

Uno dei parametri che una società deve possedere per essere “attraente” è quello di avere un vantaggio competitivo rispetto alle sue dirette concorrenti, ovvero una caratteristica nei suoi prodotti o nel modo di operare che le permetta di generare maggiori profitti o mantenere più clienti rispetto alle altre. Un vantaggio competitivo può riguardare prodotti, struttura dei costi, il processo di produzione, i rapporti con fornitori o distributori o con i propri dipendenti. Da valutare attentamente è anche il management della società, composto dalle persone che prendono le decisioni più importanti per l’azienda influenzandone il valore. Tra le caratteristiche da considerare per valutare un manager, vi sono la storia dei suoi successi (e insuccessi), l’esperienza che ha maturato e le abilità personali che lo rendono in qualche modo speciale e diverso dagli altri.

4. Puntare Su Aziende in Crescita

Per investire con successo nel mercato azionario, il trader dovrà saper riconoscere le società con le migliori opportunità di crescita. Gli investitori che puntano sulla “crescita” scelgono le aziende che sembrano in grado di crescere a un ritmo maggiore rispetto a quello delle dirette concorrenti e generare profitti superiori alla media.

5. Capire Il Valore Di Un’Azione

Altro fattore importante negli investimenti è quello di capire il valore di un titolo azionario e se il prezzo a cui viene scambiato sia corretto o meno. Ci sono diversi parametri e formule che tentano di dare risposta a questa domanda, ma non si tratta di un procedimento semplice. Il professore Graham, mentore di Warren Buffett, non utilizzava un valore preciso, ma una fascia di prezzo, a volte anche piuttosto ampia. Comunque sia, generalmente le aziende vengono valutate in base ai profitti che generano sia in valore assoluto che per azione.

6. Tenere Conto Del Rapporto Prezzi-Utile (P/E)

investirePer capire il valore di una società, il trader può affidarsi ad alcuni parametri economici, tra cui il rapporto prezzo/utili, che si ottiene dividendo il prezzo del titolo per gli utili per azione. Solitamente indicato con la sigla P/E si tratta però di un elemento inutile se non verrà considerato assieme ad altri parametri e informazioni sull’azienda in questione. Ad ogni modo, un rapporto P/E alto indica di solito che gli investitori si aspettano una forte crescita dell’azienda e per questo sono disposti a pagarla molto. Ma un alto rapporto P/E può anche significare che l’azienda è sopravvalutata (ma non necessariamente), così come un basso rapporto P/E non vuol dire necessariamente che sia sottovalutata. Se si vuole investire in azioni in un’ottica di lungo periodo è comunque meglio cercare titoli che siano al momento sottovalutati dal mercato, sperando che nel tempo il mercato riuscirà a dare loro il giusto valore.

7. Diversificare Sempre e Comunque

Diversificare, ovvero acquistare altre azioni in modo da aumentare le possibilità di successo e ridurre il rischio di perdita, è una delle regole base del trading. E la diversificazione dovrebbe riguardare sempre più settori industriali. Questo perché puntare tutto il vostro capitale su pochi titoli può essere pericoloso, anche se scelti con cura e oculatezza. Mai, comunque, puntare tutto su un solo titolo. La perdita sarebbe quasi certa!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su