Capital Gain: Come Funziona e Come Viene Tassato

Per capital gain o guadagno in conto capitale s’intende la differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto di uno specifico strumento finanziario. Solitamente, il capital gain viene associato (erroneamente) ai soli titoli azionari, ma può riguardare anche altri strumenti finanziari come valute, obbligazioni e titoli di Stato.

capital gain

Capital Gain: Funzionamento e Tassazione

Quando vendiamo un’azione, un’obbligazione o un qualsiasi altro strumento e guadagniamo rispetto al prezzo a cui l’avevamo acquistata, otteniamo una plusvalenza: ecco, in parole povere, cos’è il capital gain. Ma questa plusvalenza è soggetta a tassazione, pari al 26%. Questo significa che se acquistiamo un’azione a € 50 e la rivendiamo a € 60, sui 10 Euro di capital gain dovremo pagare 2,60 Euro di tasse.

La tassazione fiscale rientra nella categoria reddituale dei cosiddetti redditi diversi, cioè quei redditi prodotti dalle persone fisiche che si trovano nella situazione prevista dall’art. 67 lett. c e c-quinquies del TUIR. Questo riguarda anche le imprese individuali, in quanto le norme sul bilancio di esercizio impongono la rilevazione di tutte le plusvalenze conseguite nell’ambito dell’attività imprenditoriale svolta. In questo caso, la categoria reddituale cui ricondurre il capital gain è quella dei redditi d’impresa.

L’imponibile fiscale è dato dalla differenza tra il prezzo di vendita e il costo fiscale dello strumento in questione. Ad ogni modo, le persone fisiche che realizzano un capital gain devono prestare attenzione al regime fiscale scelto al momento dell’acquisto dello strumento finanziario considerato.

In un regime dichiarativo, l’investitore riceve il capital gain al lordo delle imposte. Questo significa che dovrà essere lui in un secondo momento a dover calcolare e versare le imposte secondo le scadenze previste per la dichiarazione dei redditi.

In un regime di risparmio amministrato, invece, sarà premura del broker finanziario a fungere da sostituto d’imposta e a calcolare la ritenuta d’acconto alla fonte. Il risparmiatore non dovrà fare nulla perché saranno gli intermediari finanziari (banche, SIM, ecc.) ad adempiere agli obblighi fiscali e segnalare il tutto all’Agenzia delle Entrate.

Metodo di Calcolo

Il capital gain può essere calcolato in due modi:

    • tramite il suo rendimento assoluto;
    • tramite il suo rendimento percentuale.

Il rendimento assoluto consiste nella differenza (in valore assoluto) tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto dello strumento finanziario considerato.

Per calcolare il rendimento percentuale bisogna invece rapportare tale differenza (il rendimento assoluto) al prezzo di acquisto.

Nell’esempio precedente, il rendimento assoluto è pari a 10 Euro mentre il rendimento percentuale è pari al 10%.